#TuttiperNicco dal Il Tirreno di Enrico Giovanelli

dal Il Tirreno (link fondo pagina)

Biscontri, ritorno alle gare «Mai arrendersi al male»

Il giocatore di baseball di nuovo in campo, ha vinto la sua partita più bella. «Capisco che posso essere di esempio, ma ognuno deve trovare la forza dentro sé»di Enrico Giovannelli

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. La storia sarebbe già bella così, senza aggiungere altro. Il giovane campione di baseball malato di cancro che non si dà per vinto, e dopo la lunga battaglia e le cure continue, torna sul diamante: e vince, insieme alla sua squadra che lo ha sempre sostenuto e considerato uno del gruppo anche quando non c’era. Più che giocare una partita, un ritorno alla vita di tutti i giorni. Una pagina da libro Cuore insomma, di quelle che andranno tramandate nel tempo e raccontate a veglia.
Ma il bello è che questo è solo l’inizio della storia. Si perché il protagonista è Niccolò Biscontri, oggi ventiquattrenne, che solo poco più di un anno fa stupì gli amici realizzando un video, che in pochi giorni spopolò su Youtube e che fu riproposto anche in vari tg nazionali, con messaggi arrivati da ogni parte del mondo soprattutto dal popolo del baseball, dove in sostanza Nicco annunciava la sua malattia, e chiedeva l’aiuto di tutti a sostenere attraverso un simpatico ritornello “tuttipernicco”, la campagna dell’associazione Admo, per donare il midollo osseo.
Biscontri non si è mai nascosto, ha voluto guardare in faccia il suo male, combatterlo e sconfiggerlo, anche se lui è rimasto sempre silenzioso, forse fin troppo timido a dispetto della sua forza anche sportiva. Domenica però è tornato prepotentemente alla ribalta: la sua squadra, il Jolly Roger Castiglione, ha iniziato il campionato di serie A federale sul campo di Anzio e il manager Paolo Rullo al momento giusto lo ha fatto entrare, come un giocatore qualunque, un giocatore normale.
E Nicco ha subito risposto, battendo la sua prima valida da due anni a questa parte. Un attimo, una gioia immensa per sentirsi ancora più coinvolto e riprendersi completamente la propria vita. L’aiuto che può dare anche lo sport è fondamentale, così come quello del sostegno della famiglia. Niccolò ha sempre continuato la vita di tutti i giorni. Gli studi universitari, i controlli e poi gli allenamenti.

Il giovane grossetano giocatore di baseball ha bisogno di un trapianto di cellule staminali
«Cosa ho provato a scendere in campo dopo tanto tempo in una gara ufficiale? Ma, sono emozioni incredibili – racconta come al solito cercando di smorzare l’entusiasmo del cronista – ho pensato solo a divertirmi. Poi con un pizzico di fortuna ho anche battuto una valida. Ma quello che contava era vincere. Certo riassaporare il profumo del campo, lo stare insieme ai compagni, quello è stato sicuramente un altro momento emozionante. Ringrazio tutti, la società, i compagni e gli allenatori».
Le lezioni all’Università lo reclamano, ma Nicco è consapevole che il suo è un messaggio di speranza: «Io affronto la vita tutti i giorni, non cerco assolutamente pubblicità. Capisco che oggi posso essere da esempio per tante persone che combattono la malattia. Ognuno però deve trovare la voglia dentro di sé, non ci si deve abbattere mai, magari aprendosi con i familiari più cari, i genitori, gli amici, la fidanzata, che per me sono stati fondamentali. Io continuerò a fare quello che faccio ogni mattina, impegnarmi nello studio e ad allenarmi. Ci vediamo sabato prossimo al campo».
E lo stesso allenatore Rullo non lo ha fatto certo giocare per gratitudine: «Mi aspetto tanto da Niccolò – confida – abbiamo bisogno di lui, della sua forza e della sua simpatia. Ma più di tutto della sua bravura sul diamante. Nessuno gli regalerà nulla, tutto quello che si guadagnerà vorrà dire che se lo è meritato. Nicco è uno dei nostri, uno dei “Pirati” del Jolly Roger». Sì Nicco, ci vediamo sabato al campo. La storia è solo all’inizio.

link: http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2016/04/06/news/biscontri-ritorno-alle-gare-mai-arrendersi-al-male-1.13251726?ref=search

Commenta